Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Elezioni

 
 

 
 
 
 

Quali sono le garanzie di sicurezza ed affidabilità quando si parla di voto elettronico?


Con sicurezza dei sistemi di voto elettronico ci si riferisce, in questo contesto, ai meccanismi utilizzati per proteggere l'espressione del voto e, quindi, difendere il sistema da possibili attacchi mirati ad alterare i voti.

Il sistema di voto elettronico sperimentato in Trentino dispone di diversi livelli di protezione fisica e informatica a garanzia dell'espressione del voto:

  • le macchine di voto non sono connesse alla rete: questo impedisce attacchi da parte di hacker (cioè persone che entrano abusivamente in sistemi altrui allo scopo di danneggiarli (cracking) lasciare un segno del proprio passaggio, utilizzarli come teste di ponte per altri attacchi oppure per sfruttare la loro capacità di calcolo o l'ampiezza di banda di rete) durante la giornata elettorale
  • le apparecchiature elettroniche sono chiuse all'interno di un "mobile" le cui chiavi sono in possesso del Presidente di Seggio: questo impedisce accessi non autorizzati alle apparecchiature elettroniche
  • l'accesso alle funzioni della macchina di voto (per aprire il seggio, abilitare le macchine al voto, chiudere il seggio e dare avvio allo spoglio dei voti) è legato all'uso di smartcard, in possesso del Presidente di Seggio, che è quindi l’unica persona che può avviare il sistema di voto ed attivare le diverse funzioni previste; ogni operazione fatta dal Presidente viene registrata dal sistema
  • i dati, seguendo le normali pratiche per questi casi, sono firmati digitalmente (la firma elettronica è un sistema di autenticazione di documenti digitali analogo alla firma autografa su carta) e cifrati (per cifratura, o crittografia, si intende un procedimento mirato a rendere un documento non leggibile da persone non autorizzate)
  • il sistema si basa su Linux e Java
  • tutti i voti vengono stampati, a garanzia dell’espressione di voto.

Con affidabilità intendiamo invece i meccanismi utilizzati per assicurare che le informazioni vengano accuratamente memorizzate e siano riproducibili, anche in caso di malfunzionamento della macchina di voto.

Per ridurre i rischi legati alla perdita di dati il sistema sperimentato si basa su un meccanismo di memorizzazione ridondata: i dati informatici, cioè, vengono memorizzati (cifrati e firmati digitalmente) sia sull'hard disk del PC, sia su un dispositivo di memorizzazione esterno al PC, inserito all'interno del “mobile” di voto e protetto con i meccanismi descritti sopra.

Il sistema, prima di ogni voto, verifica l'integrità dei dati memorizzati sui due dispositivi, segnalando e bloccando il dispositivo in caso d'anomalie.

La stampa dei voti garantisce, infine, un ulteriore livello di affidabilità, garantendo la possibilità di recuperare i voti espressi nel caso in cui i due sistemi di memorizzazione non funzionino.

 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy