Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Elezioni

 
 

 
 
 
 
 Home  Elezioni » ProVotE 2008 » Quadro normativo » Indicazioni dal Consiglio d'Europa

Gli standard di legalitÓ


Il Consiglio d’Europa ha concretizzato la propria attenzione nei confronti del voto elettronico con l’approvazione e la diffusione di alcuni importanti documenti, arrivando ad affermare che il voto a distanza ed il voto elettronico sono compatibili con i principi democratici a condizione che le rispettive procedure rispettino alcune misure.

Qualsiasi tipo di elezione democratica, in sintesi, a prescindere dalle modalitÓ scelte per l’espressione del voto, deve garantire il rispetto dei diritti civili e politici, in particolare la libertÓ d’espressione, e a tal fine deve:

  • prevenire la manipolazione dei dati

  • proteggere l’anonimato dell’elettore

  • garantire il sistema di corretto conteggio dei dati.


Il Consiglio d'Europa ha quindi definito quali sono gli standard di legalitÓ che le elezioni devono rispettare, elencando i principi da rispettare e le procedure di salvaguardia.


I principi da rispettare sono:

  • suffragio universale - bisogna garantire agli elettori la possibilitÓ di esprimere correttamente  il voto, l’interfaccia dei sistemi di voto deve essere comprensibile ed immediata. Eventuali procedure di registrazione automatizzata degli elettori non devono ostacolare la partecipazione all’appuntamento elettorale degli aventi diritto. Inoltre, i sistemi di voto elettronico devono essere configurati in modo tale da essere accessibili alle persone disabili
  • eguaglianza del voto - occorre garantire che i voti abbiano lo stesso valore, peso e significato ed inibire la possibilitÓ per chiunque di esprimere il voto per pi¨ di una volta per la stessa elezione; questo principio, a maggiore ragione deve valere per i sistemi che consentano contemporaneamente differenti modalitÓ di espressione del voto
  • libertÓ di voto - al fine di garantire il libero esercizio del diritto di voto, il ricorso a strumenti elettronici non deve condizionarne l’espressione ma consentire all’elettore di manifestare la propria scelta liberamente e correttamente. Inoltre l’elettore deve essere messo nella condizione di modificare la propria scelta in ogni momento, senza alcuna registrazione del percorso di voto. Infine, Ŕ necessario garantire che il sistema consenta tutte le espressioni di voto (es. : scheda bianca); che sia chiaramente individuabile il momento in cui l’elettore ha definitivamente finito di votare ed ha quindi depositato il voto nell’apposita “urna”e che, pertanto,  a questo punto non sia pi¨ consentito all’elettore di modificare il proprio voto
  • segretezza - il sistema di voto elettronico, e in particolare l’automatizzazione delle procedure d’identificazione dell’elettore, devono garantire la segretezza del voto tramite misure che impediscano il collegamento dell’elettore al voto espresso.

Le procedure di salvaguardia sono:

  • trasparenza - significa prevedere e attuare un processo di comunicazione e di formazione nei confronti degli elettori, fornendo non solo tutte le informazioni necessarie  ma anche la possibilitÓ di provare i nuovi metodi di votazione prima dell’appuntamento elettorale, al fine di consentire un uso immediato e comprensibile dei nuovi strumenti introdotti
  • controllo e responsabilitÓ - i componenti delle macchine per il voto elettronico devono essere identificabili, almeno dalle autoritÓ elettorali competenti. Prima dell’introduzione di un sistema di voto elettronico, un organismo indipendente, nominato dalle autoritÓ elettorali, dovrebbe verificare il corretto funzionamento della macchina di voto e il rispetto delle misure di sicurezza
  • affidabilitÓ e sicurezza - compete alle autoritÓ pubbliche assicurare l’affidabilitÓ e la sicurezza del sistema di voto elettronico, per prevenire il rischio di frodi o di accessi non autorizzati al sistema che ne possono compromettere il funzionamento. Il sistema di voto elettronico deve garantire il funzionamento del processo di voto a fronte di qualsiasi rischio di malfunzionamento della macchina o di attacchi esterni. Spetta all’autoritÓ elettorale garantire che il sistema funzioni correttamente. Eventuali interventi che si rendano necessari possono essere compiuti solo da personale autorizzato a sua volta monitorato da rappresentanti dell’autoritÓ e devono essere adeguatamente verbalizzati. I dati della macchina non devono essere accessibili fintantochÚ Ŕ possibile collegare il voto all’elettore  che lo ha espresso ed Ŕ preferibile mantenere separate le operazioni di autentificazione dell’elettore da quelle di espressione del voto.
 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy